bambole-primitive-1

Primitive Soul

In Italia c’è un mondo dedicato all’arte Primitive

Cristy Creations:
“la creatività mi appartiene da sempre.”

The training

A 12 anni ho iniziato a realizzare vestiti adoperando carta e stoffa, mi sono poi appassionata alla pasta di sale, scoprendo che ogni materiale ha un suo modo di comunicare.

bambole-primitive-1

L’Accademia d’Arte e la specializzazione come stilista e modellista, sono stati importanti passaggi formativi che mi hanno consentito di affiancare la tecnica alla fantasia. Con questi studi ho imparato come concretizzare le idee in modo professionale, al di là della forte manualità che da sempre mi accompagna, dandomi una cognizione ben più sviluppata.

USA on the road

È nel 1989, con il mio primo viaggio negli USA, che tutto diventa chiaro.

L’incontro con il mondo Primitive è per me folgorante. Mi sono trovata sbalzata in un ambiente in cui la creatività si sviluppava esattamente come la mia passione mi aveva solo fatto intravedere fino ad allora. Appena tornata in Italia ho cominciato a frequentare corsi di cucito creativo, ma è stato durante i vari viaggi su e giù per gli States che ho appreso tecniche e segreti per la creazione dei miei amati soggetti Primitive. Questo stile mi rappresenta, dà sfogo alla mia creatività e mi consente di raccontare ciò che sono per mezzo di oggetti unici e fatti interamente a mano da me.

bambole-primitive-11

Il mondo Primitive

È un mondo strano, particolare, che affonda le proprie radici in una civiltà che possiamo ancora incontrare oggi percorrendo i grandi nastri d’asfalto che passano di stato in Stato, negli Amish country, tra Ohio e Pennsylvania.

Rimanda a tempi semplici, ad una folk art che racconta le contraddizioni e la bellezza di un Paese sconfinato come sono gli USA, dove ai grattacieli che sembrano finire in mezzo alle nuvole con la loro slanciata struttura di vetro e acciaio, si contrappongono enormi praterie, case coloniali che fanno eco a secoli in cui tutto veniva realizzato in casa, anche i giochi. Sono oggetti che richiamano i tempi passati attraverso l’impiego di tecniche particolari, come ad esempio l’uso del caffè o del the per “invecchiare” i tessuti, dando loro tonalità calde e nuance più avvolgenti.

Tissues made in USA

Quasi tutti i materiali che adopero provengono dagli Stati Uniti: tessuti, bacche, stelle e quant’altro, con una predilezione per le fibre naturali.

In Italia è ancora molto difficile recuperare le giuste trame e le fantasie che invece riesco a trovare negli USA. D’altra parte si tratta di una forma d’arte che vede pochissimi produttori nel nostro Paese, a fronte di un pubblico sempre più interessato ed affascinato.

The art of recycling

L’arte del riciclo è alla base di molte mie proposte.

Mi piace riutilizzare quello che già abbiamo a disposizione, in fondo parliamo di arte popolare, nata in tempi in cui la ricchezza non era certo una condizione comune. Spesso metto mano a bancali per ricavarne parti in legno o adopero tessuti provenienti da un antico grembiule americano. È bello dare nuova possibilità ad oggetti inutilizzati, renderli ancora vivi.

Not only dolls

La primitive’s art non è fatta solo di bambole.

Ci sono gli abiti, gli elementi di arredo, come i bellissimi runner per arricchire le tavole, i tendaggi. Tutto ruota intorno allo stile country che rende la casa accogliente, calda ed estremamente ospitale. L’estro per le mie creazioni arriva proprio dal calore che in primo luogo mi piace avere nella mia casa e le mie figlie, Giulia e Martina, sono la più grande fonte d’ispirazione.

“Ogni materiale ha una propria magia, è affascinante scoprirne l’essenza e plasmarla per dare forma a oggetti, abiti, bambole. Sono pensieri che escono dall’anima di chi li crea per passare in altre mani, in altre case, in altre vite, generando una sorta di filo vivo, la cui custodia è affidata a persone anche lontane, ma avvicinate da una passione comune.”

bambole-primitive-11